la mostra

La Fondazione Puglisi Cosentino e la Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo annunciano l’apertura, dal 3 aprile al 10 luglio, a Catania, nella sede della Fondazione Puglisi Cosentino, di Breve storia del resto del mondo, l’ampia personale di Pietro Ruffo, a cura di Laura Barreca.

“La mostra, allestita in uno dei più affascinanti spazi museali in Sicilia, propone uno spaccato della realtà storica contemporanea, attraverso gli occhi e la sensibilità di un artista dalla spiccata personalità”: è l’opinione del Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, che aggiunge: “La forza di Ruffo consiste nell’utilizzare tutti gli elementi base propri della sua formazione di architetto – il progetto, la carta, il disegno – per dar voce, con opere anche tridimensionali, ai grandi temi della storia universale, come la libertà e la dignità dell’essere umano costantemente minacciate dalle insidie del mondo di oggi”.

Breve storia del resto del mondo riunisce una spettacolare sequenza di opere di grandi dimensioni realizzate dall’artista romano dal 2005 ai giorni nostri. Essa va a comporre una sorta di viaggio visivo sul concetto universale di libertà o dei principi liberali nella storia politica dei continenti, attraverso i temi della colonizzazione, delle divisioni culturali, sociali, religiose da cui scaturiscono antichi e irrisolti conflitti tra i popoli del mondo.

Conosciuto per le sue grandi mappe delle nazioni, su cui schiere di libellule intagliate a mano e fermate con migliaia di spilli rappresentano l’idea della libertà, Pietro Ruffo concepisce un percorso espositivo che guida il visitatore al riconoscimento di alcuni “padri-ispiratori” del pensiero liberale e costituzionale: tra loro il politologo inglese Isaiah Berlin, cui l’artista dedica nel 2010 la serie di grandi ritratti I sei traditori della libertà, in mostra a Catania.
Ma anche poeti come il libanese Khalil Gibran, cui è dedicata l’opera Liberty House (2011): una piccola costruzione architettonica che vuole affermare il concetto che si è davvero liberi solo se il desiderio di ricercare la libertà diventa pratica quotidiana e interiore.

Attualissima traduzione artistica di una condizione geopolitica internazionale, la mostra si offre come riflessione più ampia sulle questioni da cui sono originate le più recenti e disastrose piaghe sociali: dal colonialismo, alla primavera araba, dal fondamentalismo islamico alle rivolte per i diritti dei lavoratori in Sud Africa.
Ad apertura e chiusura della mostra, l’opera The Colours of Cultural Map (2015) commissionata da Luciano Benetton per il progetto Imago Mundi, un grande atlante dei paesi del mondo e delle differenze che uniscono i popoli; e SPADSVII, commissionato dalla Galleria nazionale d’arte Moderna di Roma, un biplano di dimensioni reali realizzato interamente in legno e carta.

Vincitore del Premio Cairo e del Premio New York all’Italian Academy for Advanced Studies at Columbia University nel 2010, Pietro Ruffo è oggi riconosciuto come uno degli artisti italiani più interessanti a livello internazionale. Tra i progetti più significativi, si segnalano: A complex istant -Moscow, Progetto speciale per la quarta biennale di Mosca, SLASH, paper under the knife, MAD Museum of Art and Design, New York; Apocalittici e Integrati, MAXXI, Museum of XXI Century Art, Roma. Nell’estate del 2015 realizza una scenografia per la sfilata di Valentino, che ha visto l’artista cimentarsi con un’opera su scala urbana costruendo un’intera piazza ispirata al concetto di stratificazioni.

fondazione-terzo-pilastro-deffondazione-terzo-pilastro_def

pietro ruffo

pietro-ruffoNato a Roma nel 1978, Pietro Ruffo è laureato in architettura.

Nel 2009 vince il Premio Cairo e nel 2010 il Premio New York con una borsa di ricerca presso l’Italian Academy for Advanced Studies alla Columbia University, e l’ISCP, The International Studio & Curatorial Program di New York. Nel 2012 ha svolto una residenza presso la Nirox Foundation di Johannesburg, Sudafrica, e nel 2013 presso Fountainhead Residency Program di Miami.

Tra le principali mostre personali: Terra Incognita, Delhi; SPAD SVII, GNAM, Galleria nazionale d’arte moderna, Roma; The Political Gymnasium, Blain Southern Londra; A complex Istant, Mosca, progetto speciale per la quarta Biennale di Mosca; Irhal Irhal, Galleria Lorcan O’Neill, Roma; Six Nations, Galleria Lorcan O’Neill, Roma. Ha inoltre esposto per musei e fondazioni italiane e straniere, tra cui: MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo, Roma; Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato; Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles; Centro Arti Visive Pescheria, Pesaro; Museo d’Arte della Città di Ravenna; Museum of Art and Design, New York; MACRO, Museo d’Arte Contemporanea, Roma; Tenerife Espacio de Las Artes, Spagna; Kaohsiung Museum of Fine Arts, Taiwan.

I suoi lavori fanno parte di diverse collezioni museali e fondazioni private come Deutsche Bank Foundation; MAMBO Museo d’Arte Moderna di Bologna; MACRO, Roma; Fondazione MAXXI, Roma; Museo d’Arte Contemporanea Ravenna; Fondazione Pastificio Cerere, Roma; Fondazione Giuliani, Roma; Depart Foundation, Roma e Los Angeles; Fondazione Guastalla, Lugano; Lodeveans Collection, Londra.

la fondazione

Costituita nel 2004 da Alfio Puglisi Cosentino, la Fondazione opera a favore dell’arte antica, moderna e contemporanea, con fini di studio, educazione e diletto.
A tal fine, organizza esposizioni temporanee, incontri, laboratori, convegni, attività didattiche, di studio e di ricerca. Promuove, inoltre, le relazioni tra artisti e pubblico, anche di non addetti ai lavori, contribuendo alla trasformazione virtuosa del proprio territorio e favorendo aperture nei confronti di altre esperienze simili.
La Fondazione occupa la corte interna, il secondo e il terzo piano di Palazzo Valle a Catania, un edificio tra i più rappresentativi del barocco siciliano.

L’accesso alla Fondazione Puglisi Cosentino avviene attraverso il maestoso portone che si apre su via Vittorio Emanuele, nel centro storico di Catania.
L’atrio accoglie il visitatore con due opere permanenti di Giovanni Anselmo e di Jannis Kounellis, storici esponenti dell’arte povera. La corte interna, destinata alle opere scultoree, ospita un grande pilastro elicoidale in metallo, dello stesso Jannis Kounellis e un’opera di 6 metri di Carla Accardi.
Percorrendo lo scalone di sinistra che conduce al piano nobile, si giunge agli spazi espositivi dove, oltrepassata la biglietteria e il guardaroba, dodici sale si succedono in un percorso a U, caratterizzato nella parte centrale da un loggiato con vista sulla corte interna.

Il terzo piano, oltre che di altre sei sale espositive, dispone di uno spazio per la didattica, di uffici e di un deposito.
Il palazzo è attrezzato di impianti di climatizzazione e illuminazione in linea con gli standard museali e di impianti tecnologici per la sicurezza, come videosorveglianza e sistemi antincendio e anti-intrusione.

le opere

THE COLOURS OF CULTURAL MAP - Pietro Ruffo

Arab Spring

15 marzo 2016

2.-P.-Ruffo-phocredit-G.-D'Aguanno

I sei traditori della libertà

15 marzo 2016

3.-P.-Ruffo-phocredit-G.-D'Aguanno

Sudafrica

15 marzo 2016

4.-P.-Ruffo-phocredit-G.-D'Aguanno

Beslan

15 marzo 2016

7.-P.-Ruffo-phocredit-G.-D'Aguanno

Spad SVII

15 marzo 2016

8.-P.-Ruffo-phocredit-G.-D'Aguanno

Madri del mar di Sicilia

15 marzo 2016

laboratori didattici

Visite guidate e laboratori didattici a cura di:  IDENTITAS – servizi culturali e fundraising.
Info e prenotazioni: 329 4571064 | mostraruffo@fondazionepuglisicosentino.it | www.identitasicilia.com

GRUPPI SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA: le mattine dal martedì al venerdì
LABORATORI CON VISITA GUIDATA (età 5-10 anni)

DI CHE COLORE TI SENTI? a cura di Giamina Croazzo e Irenea Privitera per MondoLabo
I bambini costruiranno un libro in cui assoceranno a determinati colori dei sentimenti.

SALUTI DAL MONDO a cura di Giamina Croazzo e Irenea Privitera per MondoLabo
Creiamo insieme una cartolina pop up che rappresenti la meta di un viaggio fantastico.

TUTTI UGUALI, TUTTI DIVERSI a cura di Irenea Privitera
Costruiremo dei libri ad anelli che permetteranno di creare tanti tipi di combinazioni tra popoli, animali, paesaggi e architetture.

LIBELLULE IN LIBERTÀ a cura di Giamina Croazzo e Irenea Privitera per MondoLabo
Ogni bambino a iderà un desiderio di libertà alla sua libellula realizzata durante il laboratorio, poi tutti insieme faranno volare nel cielo questo speciale sciame di insetti.

REGNO ANIMALE a cura di Nadia Ruju
Come nei paesaggi creati dalle carte geografiche di Pietro Ru o, creeremo il fondale tridimensionale dove gli animali appartenenti alle varie parti del mondo potranno muoversi.

INSETTARIUM a cura di Nadia Ruju
Catalogando le impronte di diversi tipi di insetti volanti i partecipanti si cimenteranno con la tecnica della timbratura creativa creando infine un proprio timbro.

IN PRINCIPIO ERA IL CAOS a cura di Giamina Croazzo e Irenea Privitera per MondoLabo
Attraverso il racconto di alcuni miti della sua creazione, scopriremo che popoli diversi, vissuti in epoche e luoghi di erenti, sono in realtà incredibilmente vicini.

AEROPLANO PORTAMI VIA a cura di Giamina Croazzo e Irenea Privitera per MondoLabo Ispirandociall’operaSPADSVII,durante illaboratoriocostruiremounmodellinodiaereo.

GRUPPI SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO, UNIVERSITARI E ADULTI
LABORATORI CON VISITA GUIDATA (età 11-90 anni)
min 10 – max 25 partecipanti

Durata: 1h e 45 minuti – prenotazione obbligatoria

CARTOGRAFIA IMMAGINARIA PER VIAGGIARE NELLA SCRITTURA a cura di Lina Maria Ugolini
Utilizzando i materiali più disparati, si progetteranno “cartegeograficheimmaginarie”, in cui si formeranno nuove terre e luoghi inesplorati in attesa d’essere conosciuti.

SPIRALI DI LIBERTÀ a cura di Ombretta Fusco
Attraverso la tecnica del “quilling”, usata nel Rinascimento per decorare copertine di libri ed articoli religiosi, si svilupperanno delle libellule ispirate al linguaggio di Pietro Ru o.

LA CASA È IL VOSTRO CORPO PIÙ VASTO (K.Gibran) a cura di Marilisa Yolanda Spironello
Un meta-laboratorio tra architettura, design ed arti visive, che trae spunto dalle opere Liberty House e Beslan di Pietro Ru o per ridisegnare il concetto di casa come contenitore di identità, rifugio ed epicentro di libertà assoluta.

WALLPAPER: GIARDINI DI CARTA a cura di Marilisa Yolanda Spironello
Verrà offerta la possibilità di entrare in contatto con un mondo a affascinante, e solo parzialmente conosciuto: quello degli erbari e della catalogazione scientifica delle piante, per poi trasformare tale conoscenza in materia artistica da impiegare nella creazione di pattern.

Con il contributo di: Fidapa sezione di Catania, L’Artistica Srl Catania.

Parte del ricavato delle attività didattiche di Identitas sarà devoluto in beneficienza in favore dell’Associazione “Penelope” che si occupa di donne migranti.

identitas_def

informazioni utili

Palazzo Valle – Via Vittorio Emanuele, 122 – 95131 Catania

Compilando questo form, ci autorizzi ad archiviare i tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003 sulla tutela della privacy.

orari

Dal martedì alla domenica 10.00-13.00 / 16.00-19.30
Sabato 10.00-13.00 / 16.00-21.30
La biglietteria chiude mezz’ora prima.

visite

visite guidate e laboratori didattici a cura di IDENTITAS
T. +39 329 457 10 64
E. mostraruffo@fondazionepuglisicosentino.it

info e prenotazioni

Fondazione Puglisi Cosentino
T. +39 095 715 21 18
E. info@fondazionepuglisicosentino.it
W. www.fondazionepuglisicosentino.it

biglietti

interi € 8,00
ridotti € 5,00
i pomeriggi di martedì e venerdì ingresso € 3,00

uffici stampa

Melamedia di Carmela Grasso
M. +39 349 268 45 64
E. melagrasso@gmail.com

in collaborazione con

Studio ESSECI
Sergio Campagnolo
M. +39 049 66 34 99 
E. info@studioesseci.net 

Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo
Raffaella Salato
T. +39 345 379 91 90
E. rsalato@fondazioneterzopilastro.it

fondazione-terzo-pilastro